“Dall’eternità ci separa appena un respiro, un istante che si spalanca sulla vita eterna o su un eterno tormento.” Molti hanno riferito di aver varcato la soglia con “esperienze di pre-morte”. Inoltre a testimoniare che l’amore è più forte della morte ci sono tante altre storie, nella Chiesa: anzitutto i martiri, i santi e poi quelle “persone che non soccombono sotto prove terrificanti, che non sprofondano sotto croci disumane, ma hanno la luce negli occhi. Brillano di un amore pietoso e carico di una misteriosa letizia. Hanno una forza inspiegabile”. Sono tracce di quell’eternità che, per altre vie, anche poeti, scrittori e artisti hanno cercato. Antonio Socci accompagna il lettore fra poesie e pagine memorabili, dove grandi autori s’interrogano sul senso della vita e danno voce a quell’inestirpabile e inappagato desiderio di felicità vera che caratterizza ogni essere umano sulla terra. Pagina dopo pagina, Avventurieri dell’eterno s’inoltra fra le storie di coloro che hanno vissuto la vita come un meraviglioso viaggio verso l’infinito e verso la Felicità che non delude. Come testimonia la straordinaria vicenda di Katja, che ha abbandonato la sua carriera di attrice e i successi del cinema per votarsi al suo “dolce Gesù”, abbracciando la vita eremitica nel deserto degli anacoreti con il nome di sorella Benedicta. Perché la verità, scrive Socci, è che siamo “stati creati per l’eternità, per incontrare qui, in questa vita, l’Eternità fatta carne, l’Uomo-Dio” e, con Lui, approdare alla Felicità eterna.

“DAVANTI ALLA FRAGILITÀ DEL MONDO, DENTRO DI NOI SENTIAMO LA CERTEZZA DI ESSERE FATTI PER UNA FELICITÀ INFINITA, NON PER QUALCOSA DI MENO.”

Non è Francesco
Print Friendly